2014 (2) 2015 (29) 2016 (20) A scuola con Davide (2) Alfred Adler (1) Antonio Skàrmeta (1) Barbara Berckhan (1) Blackboard (3) Cesare Pavese (2) Charles Bukowsky (1) chitarra (1) Citabilia (48) citabilita (2) Computer e informatica (1) Cose amate (8) Dominique Loreau (1) E' poesia (1) Eppure il vento soffia ancora (1) Ernest Hemingway (1) Ernesto Ferrero (2) Ewan McGregor (1) Fabio Volo (2) Fotocitabilia (1) Francesco Guccini (1) Francis Scott Fitzgerald (2) Fred Uhlman (1) Gabriel Gàrcia Màrquez (1) Gianfranco Ravasi (1) Giuseppe Ungaretti (1) Goran Kuzminac (1) Hermann (2) Honoré de Balzac (1) Ignazio Silone (2) Il parolaio (3) Incipit (66) Index (1) Italiano (1) Italo Calvino (1) Jean-Paul Sartre (1) Jim Carrey (1) Karate Shotokan (2) Kate Wolf (1) Khaled Hosseini (3) Leonardo Sciascia (1) Letti e riletti (34) Libri (73) Ludovico Einaudi (1) Mappe Concettuali (4) Marguerite Duras (1) Maria Venturini (2) Mario Polito (1) Mauro Corona (1) memes (1) Michael Black (1) Mitch Albom (1) modelli (2) Nazim Hikmet (1) Noam Chomsky (1) Once Upon a Time (1) Pace (1) Parco Gezi (1) Parolaio (1) Paul Dirac (1) Pensieri in corso (46) Pensieri prima del buio (1) pensiero del mattino (1) Pensiero libero (1) Per chi non lo leggerà mai (2) Philip Roth (2) Pietro Abelardo (2) Primo Levi (2) Raffaele Morelli (1) Richard Bach (2) Richard Feynman (2) Roberto Cacciapaglia (1) Scatti distratti (11) Sean Penn (1) Sei Shonagon (1) software (2) Stefano Benni (1) Stephen Hawking (1) Trilussa (1) Turchia (1) Tutorial (3) Vademecum (1) Vi voglio raccontare (1) Videocitazioni (9) Viedeocitazioni (1) Visti e rivisti (23) Vittorino Andreoli (1) Will Smith (1) Word (3)
Salve a tutti,
mi chiamo Davide. Si, sono il ragazzo che molto spesso mio padre citava quando si trattava di scuola o altre cose che interessavano maggiormente me e lui, come il karate.

Non mi sembra corretto non informarvi di quello che è successo, anche perché, da come ne parlava mio padre, sembrava essersi creata una vera e propria famiglia, un gruppo dove ci si scambiano opinioni e pensieri. In questi giorni, come avete avuto modo di notare, non è stato pubblicato niente. Il 21 luglio, intorno alle 20:30, mio padre è stato portato d'urgenza in ospedale per un'emorragia cerebrale. Appena entrato in ospedale si è addormentato, trovandosi in un coma durato nove giorni circa. La notte tra l'uno e il due agosto mio padre si è spento completamente. Sarei un falso se vi dicessi che, nonostante la sua sparizione, conduco uno stile di vita uguale a quello di prima, mi manca. Sono cose amare quelle che sto scrivendo oggi  ma non ho voglia di tenervi all'oscuro di ciò che è successo. Vorrei condividere con voi il pensiero di mia cugina, spero lo apprezziate.



"Ciao zio,qualche giorno fa mi soffermai sulla definizione di una parola che tu stesso hai condiviso, che tu stesso hai reso preziosa. La parola in questione è "RESILIENZA", hai condiviso la definizione di questa parola che rappresenta la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi dolorosi che la vita ci presenta. La capacità di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità che la vita offre, senza perdere la propria umanità,
Sono sicura che, per quanto doloroso sia abbracciare l'idea che tu, solo fisicamente non ci sia più, sono sicura che ognuno di noi si meraviglierà di quanto presente sarai nelle piccole, grandi bellezze quotidiane che ci hai insegnato a contemplare e rispettare. Il piacere del profumo dell'erba bruciata, il vento, la poesia, la musica, il non fermarsi all'apparenza sono solo alcune, delle semplici verità che tu ci hai trasmesso e saranno quell'opportunità di cui parlavi di restare sensibili e di rincontrarti, di parlarti e ridere ancora insieme. Quando mi è capitato di affezionarmi a qualcuno, un'amica storica o una persona che mi era accanto arrivava sempre il momento in cui le dicevo "sai, vorrei farti conoscere una persona speciale, che mi ha insegnato tanto". E, quando accadeva, lei o lui mi guardava e diceva " si, dovrebbero esserci più anime del genere". Una di quelle persone speciali che risplendono di luce propria di cui parlavi.
Vorrei ringraziarti, per quello che genuinamente e spontaneamente ci hai trasmesso, e che continuerai a trasmetterci. resteremo sensibili, così come tu resterai percepibile in ognuna delle bellezze che ci hai tramandato."






12 commenti:

  1. Caro Davide,
    grazie per aver trovato la forza di condividere con noi questo ultimo e doloroso ricordo di tuo padre. Attraverso di lui e i suoi “scatti distratti” abbiamo imparato a conoscere anche te. Ti abbiamo visto crescere, correre, sorridere, abbracciare la vita.
    E come te, abbiamo fatto nostra la parola “resilienza”. Un dono prezioso.
    Buon cammino nella vita, con tutto il cuore.

    Tuo padre ed io condividevamo l’amore per Hermann Hesse, ed è con una sua poesia che chiudo questo mio breve messaggio.
    Ti abbraccio forte forte.
    Daffo


    -Canzone di Viaggio-

    Sole illumina il mio cuore,
    vento disperdi le mie pene e i miei lamenti!

    Piacere più profondo non conosco sulla terra
    se non di andare lontano.

    Per la pianura seguo il mio corso,
    il sole deve ardermi, il mare rinfrescarmi

    per condividere la vita della nostra terra
    dischiudo festoso i miei sensi.

    E così ogni nuovo giorno mi deve
    nuovi amici, nuovi fratelli indicare,

    finché lieto posso tutte le forze celebrare,
    e di ogni stella diventare ospite e amico.

    -Hermann Hesse-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccio anche a te, grazie di aver condiviso con me questa splendida poesia

      Elimina
  2. Caro Davide,
    mi mancano le parole...
    Mi dispiace tantissimo per quanto successo al tuo papà. Ispido è e sarà sempre una persona speciale, rara, preziosa. Una vera fortuna averla incontrata, anche se solo sfiorata per quanto mi riguarda, e questo blog è uno scrigno colmo di bellezza, un dono che ha condiviso con noi.
    Ti mando un forte grande abbraccio e ti auguro che la tua Vita sia colma di tutto il bello che c'è.
    Viola

    RispondiElimina
  3. E vorrei anche darti una carezza, e mi piacerebbe poter alleviare un po' il tuo dolore, perdonami per queste parole, in effetti non ci conosciamo, ma sento veramente quello che scrivo .. un forte abbraccio Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. apprezzo molto la tua vicinanza, sei una persona fantastica.

      Elimina
  4. Davide tu sei un dono.. Quanto lui. :) -vale-.

    RispondiElimina
  5. Queste righe trasudano bellezza in ogni singola lettera! Ma sappi che nessuno potrà mai strapparti dal Cuore ciò che hai Amato e che continuerai ad Amare...per Sempre!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Nulla è perduto finchè continua a esistere e fiorire dentro di te, dentro di noi. Ora, il ritrovarsi mi sembra così naturale e percepibile, come se non ci fossimo mai persi.
    Ti voglio bene Da
    -Liz


    "Se ascolto, sento i tuoi passi
    esistere come io esisto.
    La terra è fatta di cielo.
    Non ha nido la menzogna.
    Mai nessuno s’è smarrito.
    Tutto è verità e passaggio"

    Fernando Pessoa

    RispondiElimina
  8. Ciao Davide chissà che qualche volta passi ancora di qui...
    Se si, ti lascio un abbraccio grande e un augurio di tanta serenità a te e famiglia

    RispondiElimina
  9. Ciao Ispido io passo ancora di qui... un ricordo carissimo

    RispondiElimina